Life

Sono tornata a casa… Per un Vocal Clinic!

 

Dal 2 al 6 marzo sono tornata a casa dalla mia famiglia.

Mi ha fatto piacere rivedere e passare un po’ di tempo con i miei genitori, però il motivo principale per il quale sono partita è stato una conferenza sul canto, più precisamente un Vocal Clinic, tenuta da Clara Moroni, cantante e vocalist di Vasco Rossi.

L’incontro è stato molto interessante e si è tenuto a Parma allo Shakespeare Live Restaurant Cafè, un locale nuovo, ricco di eventi musicali e non solo. Prima di questa conferenza ne avevo solo sentito parlare ma non ho mai avuto l’occasione di frequentarlo. Mi è sembrato un locale molto carino ed accogliente, purtroppo però mi sono trattenuta solamente per il tempo della conferenza perdendomi l’opportunità di assaggiare le loro specialità culinarie.

Il Vocal Clinc è stato molto stimolante, e mi ha chiarito alcuni dubbi e perplessità riguardo al lavoro del cantante e del vocalist. Clara Moroni ha inoltre raccontato la sua esperienza, spiegato ed esemplificato alcune nozioni base di canto, alcuni esercizii per mantenere in forma la voce, come stare su un palco, come funziona il mondo dei professionisti e risposto alle domande dei presenti.

Sono davvero contenta di aver assistito a questo incontro, nonostante il dover interagire con i parmigiani mi metta sempre una certa ansia.

Non so esattamente quale sia il motivo, ma tutto quello che è legato a quella città mi rende ansiosa e a disagio. Forse perché non vi ho passato proprio gli anni migliori della mia vita… Spero proprio di riuscire a vivere quel posto con più serenità, un giorno.

Inoltre qualche tempo fa ho cominciato a cercare una lettura che potesse stimolarmi e rendermi una persona più produttiva, ed alla fine ho deciso di leggere la biografia di Steve Jobs.

Tornando a casa ho avuto la possibilità di recuperare il libro, che si è ritrovato ad essere parte di una torre infinita di altri libri per non so quanti anni, e la prima occasione che ho avuto per cominciarlo è stato quando ho ripreso il treno per tornare a Roma. Insomma, ho avuto ben tre ore di tempo di “nIMG_20170306_154749_621ullafacenza” totale e per fortuna questa volta avevo il libro.Dico così perché all’andata mi sono annoiata a morte. Di solito mi porto sempre qualcosa da fare e qualcosa da leggere, ma questa volta mi sono dimenticata! Certamente avevo altre cosa da fare, ma disegnare cose a caso per tre ore di fila, soprattutto se non si hanno idee, diventa davvero frustrante e noioso. In ogni caso sono contenta di aver cominciato questo libro, anche se sono solo all’inizio e non posso ancora dare un giudizio valido, mi sta piacendo molto e lo trovo davvero molto interessante.

Quando lo avrò finito potrò parlarne in modo più approfondito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...